meditation, man, meditate

Come sapere ciò che vogliamo veramente e non ciò che pensiamo di volere?

La nostra domanda di questa settimana ha a che fare con il desiderio. Vorremmo sapere cosa significa equilibrare il desiderio. Molte volte pensiamo di sapere cosa vogliamo. Pensiamo di capire che se avessimo una certa capacità o una certa cosa saremmo in grado di funzionare in modo più efficiente. Saremmo più completi. Saremmo più equilibrati. E poi, quando riusciamo a ottenerlo, si scopre che è diverso da quello che pensavamo. Vorremmo che Q’uo ci desse informazioni su come lavorare con i nostri desideri. Come facciamo a determinare ciò che vogliamo veramente e non ciò che pensiamo di volere?

(canalizzazione di Carla Rueckert)

Q’uo

Siamo quelli conosciuti come il principio Q’uo. Vi salutiamo nell’amore e nella luce dell’unico Creatore infinito. Non possiamo dire quanto ci sentiamo benedetti per essere stati chiamati nel vostro cerchio di ricerca in questo giorno del vostro autunno, mentre la creazione intorno a voi ha iniziato a rilasciare il suo calore estivo e a prepararsi per il sonno dell’inverno. Il desiderio di ogni albero, cespuglio e fiore di crescere e di volgersi alla luce deve guardare questo tempo di autunno sapendo che il suo tempo di sonno e di rigenerazione sta per arrivare. E mentre la terra e gli alberi di seconda densità e le creature della macchia e della foresta non hanno problemi ad adattare i loro desideri all’armonia della temperatura e della direzione interiore, gli esseri umani di terza densità sulla vostra sfera non hanno un inverno di sonno e rigenerazione, ma piuttosto una successione infinita, o apparentemente infinita, di speranze, ideali, desideri e voglie di ogni tipo che sembrano non conoscere stagione e a volte sembrano non dare riposo.

Siamo molto felici di parlarvi del tema del desiderio. Vi chiediamo solo una cosa: di ascoltare ciò che abbiamo da dire con un orecchio e un cuore attenti, perché non vorremmo porre una pietra d’inciampo a chi cerca. Piuttosto, desideriamo offrire pensieri che sono stati utili per il nostro sviluppo. È un servizio che rendiamo a voi. Siamo felici di farlo, ma non vogliamo pretendere di essere delle autorità. Perché non siamo autorità, ma coloro che camminano con voi su un sentiero spirituale che, per quanto ne sappiamo, è infinito. Si può dire che l’aumento e la diminuzione del desiderio siano il segno distintivo dell’esperienza dell’autocoscienza. Non solo la vostra esperienza umana di terza densità, ma anche quella delle densità superiori. C’è sempre una più fine messa a punto del desiderio, una più fine delineazione della forma dell’energia del desiderio.

In effetti, si può dire che il desiderio è necessario, in modo molto forte, all’esperienza di terza densità, o all’esperienza di quarta, quinta e sesta densità. Torniamo quindi indietro per dare una visione più lunga di questo che si chiama desiderio. Questo strumento ha ricevuto da coloro che hanno avuto esperienze insolite, e troviamo nella sua memoria una lettera recente che ci dà un buon punto di partenza per parlare di desiderio. Questa entità è stata in grado di uscire dal suo corpo in uno stato simile a un sogno a occhi aperti, non in uno stato di sonno, ma in uno stato molto rilassato e sicuro di sé. Era in grado di lasciare l’area in cui si trovava il suo corpo e alla fine di lasciare il pianeta. All’inizio non riusciva a muoversi oltre una certa distanza, ma poi scrisse a questo strumento che nel continuum metafisico o tempo/spazio la modalità di motivazione o movimento era l’amore. L’amore, quindi, lo ha portato con la sua volontà in giro fino al punto in cui ha sentito che non poteva e non voleva andare oltre. Offriamo questa esperienza per poter parlare della relazione con il grande Pensiero o Logos originario, che è amore o desiderio.

Il desiderio, quando si è in un’incarnazione e si sperimenta il suo sorgere momentaneo, è molto direttamente un desiderio di acquisizione. In altre parole, si sente come se avesse un oggetto. E per la maggior parte, le cose che le entità del vostro popolo desiderano hanno quella che questo strumento chiamerebbe una semplice collocazione. Si desidera un pasto o una fidanzata o andare in un posto o leggere un certo libro. Sono cose del mondo esterno che possono essere ottenute e portate nella dimora e possedute. E come ha notato R, sembra che questi desideri abbiano una durata molto breve dopo l’acquisizione dell’oggetto. Una volta acquisito, l’oggetto non è più desiderato. Finché il desiderio rimane a questo livello ed è visto come ciò che è desiderio di un oggetto, dobbiamo affrontare il tema in un certo modo e cioè parlando di certi modi di stimare il valore dei vari desideri.

Tuttavia, c’è un altro livello di desiderio di cui tutti i presenti hanno una notevole esperienza ed è il desiderio di purezza, di verità, di bellezza, di luce, di amore vero, di amore vero tra le persone, di relazioni vere tra le persone. Questo livello di desiderio ha una vita che è negata ai desideri di cose che possono essere acquisite nel mondo fisico. Questo livello di desiderio pone il ricercatore in un mondo diverso, dove è in grado di vedere gli oggetti, sia metafisici che fisici, non con l’occhio del mondo fisico, ma con l’occhio del cuore, quello che Ken Wilbur ha chiamato l’occhio della contemplazione. Questi desideri per una via superiore sono desideri saggi, saggi e vorremmo incoraggiare ognuno di voi ad alimentare questi fuochi di speranza, fede e volontà e a chiedere i vostri desideri più elevati con abbandono e avidità. Perché questi desideri per un modo più elevato di essere, un metodo più elevato di vedere, raffredderanno il fuoco nel forno del desiderio in modo che voi, come strumento del divino, siate temprati e rafforzati.

Per quanto ne sappiamo, probabilmente non sarete mai in grado di sperimentare una mancanza di desiderio. Perché abitate all’interno di un veicolo fisico che deve mangiare, che deve avere un posto, che deve mettere sul corpo un abbigliamento protettivo contro gli elementi. Finché porterete con voi questa struttura di carne, le reazioni chimiche e biologiche che portano il veicolo fisico dall’infanzia alla crescita, alla decadenza e alla morte continueranno senza sosta, essendo questa la natura del veicolo fisico e la natura del mondo fisico in cui questo veicolo è nato. Il poeta che questo strumento conosce come Tennyson ha definito la natura rossa di denti e di artigli. Tutto deve mangiare, e così l’universo del corpo è pieno di ciò che viene mangiato e di ciò che mangia. È pieno della più piccola organizzazione di molecole che compongono la forma di vita più semplice, che ha un desiderio infinito e con ogni briciola di coscienza arrivano nuovi e maggiori livelli di desiderio fisico.

Non c’è danno, errore o peccato nel desiderio. È semplicemente logico soddisfare gli appetiti. Ogni organismo ha appetiti istintivi e il loro soddisfacimento è appropriato e, per così dire, pianificato dal Creatore infinito. In effetti, i desideri vanno protetti in quanto è bene che tutto ciò che respira, per così dire, all’interno del vostro mondo fisico abbia ciò che è necessario per sostenere la vita.

Il tipo di desiderio che tende a fornire eccellenti catalizzatori per la crescita e buoni spunti di riflessione è quello che potremmo definire desiderio mentale/emotivo. Colui che è conosciuto come R ha parlato del desiderio di ottenere quelle cose di cui potrebbe avere bisogno in un secondo momento. Quello conosciuto come S ha parlato del desiderio di giungere a una comprensione più integrata o completa che illuminasse l’esperienza che stava vivendo e che rendesse le cose più sensate. Come ha notato R, [quando] questi particolari desideri sono stati abbandonati, altri hanno preso il loro posto. E in questo contesto useremmo un’altra cosa dalla memoria di questo strumento: una storia che viene data come ciò che questo strumento chiama un koan, una parabola, diciamo, che aiuta i cercatori a ottenere la realizzazione.

A Man Wearing Yellow Turban
Photo by Abhishek Gupta on Pexels

Questa storia, in breve, racconta che c’era un sant’uomo, un anacoreta, a cui era stata data una stanza dove mettere le sue ossa e una ciotola quotidiana di zuppa e pane magro che teneva insieme corpo e anima. E in questa stanza questa entità sedeva in meditazione per tutte le sue ore di veglia, in attesa della verità, riposando nel divino, in pace e non sentendo alcun desiderio nascente. Passarono gli anni e un giorno la porta della sua umile stanza si aprì ed entrò una donna che non aveva mai visto prima. Gli mise in braccio un bambino. Aveva detto ai suoi genitori che questo sant’uomo era il padre di suo figlio e che glielo avrebbe dato. Dopo aver contemplato il dono per un po’ di tempo, il sant’uomo partì per la costa del mare, molto vicina alla strada in cui viveva, e si procurò un lavoro dei più umili, trasportando cose pesanti su e giù dalle navi che commerciavano in quel porto. Con il denaro guadagnato, acquistò del cibo e nutrì, vestì e curò il bambino che gli era stato affidato. Passarono diversi anni in questo modo, poi un giorno la sua porta si aprì di nuovo e quella donna entrò di nuovo, avendo deciso di desiderare il suo bambino dopo tutto. Le diede il bambino, che ormai aveva superato lo stadio di bambino, sistemò le sue membra per la meditazione e si ricongiunse alla luce che aveva lasciato quando gli fu donato il bambino.

Per colui che non ha desideri nascenti l’universo è libero. È un dono. E ogni filo d’erba, ogni raggio di sole, ogni parola gentile, ogni sguardo delicato, è una bellezza e una verità. Quando non avete desideri nascenti, potete sentire l’erba e gli elementi, la danza del vento, la danza del fuoco, la danza dell’acqua e la danza della terra. E l’universo si trova davanti a voi infinitamente complesso, infinitamente unificato, tutt’uno con se stesso, tutt’uno con voi, parte di voi, come voi siete parte di esso. Ci permettiamo di dire che non ci aspettiamo che molti, muovendosi nella terza densità, sperimentino questo stato di assenza di desiderio per più di un momento, un’ora o un pomeriggio. I momenti in cui sentite questa pace sono davvero doni che arrivano di tanto in tanto, e mentre sperimentate questa pace vi chiedete perché mai avete desiderato qualcosa. Ma quel contesto di cuore pieno e aperto di fede, quella volontà di equilibrio finale che permetterebbe un tale stato, non sono davvero utili ai fini dell’evoluzione in termini spirituali. Il design del vostro veicolo fisico come esseri umani non è un errore o un capriccio, ma è piuttosto il risultato di una sperimentazione da parte di quella che questo strumento chiamerebbe la Divinità. Le creazioni precedenti a questa che state vivendo hanno provato vari tipi di modi in cui le entità potessero accelerare il ritmo del loro sviluppo spirituale e, finora, si è scoperto che porre un velo sulla verità, sulla bellezza e sulla bontà ultima di tutto ciò che esiste è molto utile per lo sviluppo dello spirito.

Se siete come gli alberi e i fiori, allora sapete senza bisogno di raggiungerli che tutto va bene, che tutto è uno e che tutto è una danza. Ma gli esseri umani con questa conoscenza non progrediscono spiritualmente, bensì tendono a rimanere nello stato in cui sono nati. In realtà è l’insorgere del desiderio che crea disagio a motivare le entità a tanti livelli e questa motivazione di persone che desiderano semplificare o chiarire o risolvere le perplessità su cosa desiderare e come desiderarlo è ciò che apre le persone a nuovi pensieri, nuove idee, nuove pratiche e nuovi modi di vedere le cose. C’è, naturalmente, molta abilità ma soprattutto arte nell’imparare il proprio sé, nell’usare la mente con attenzione e in modo limitato per analizzare a che livello si trova questo desiderio, quanto è fedele a me stesso, il ricercatore, questo desiderio, quanto è onesto e puro questo desiderio.

Ci sono molti modi per usare le emozioni nel lavoro con i desideri del cuore, delle emozioni e della mente. Vorremmo dedicare un’altra mezz’ora al desiderio di sapere, ma ci accontenteremo di dire che le parti intellettuali ed emotive dell’io spesso si combinano in modo tale da creare un desiderio molto intenso di sapere, e questo desiderio ha potere sia nel bene che nel male in termini di evoluzione dello spirito. Qui vorremmo forse offrire un avvertimento che abbiamo offerto molte volte e che riguarda la natura della mente rispetto alla natura della coscienza. È facile confondere la mente con la coscienza, ma sono cose separate. Voi siete, in termini di veicolo fisico, una grande scimmia quasi priva di peli. Avete una mente eccellente, capace di pensiero astratto, di autoriflessione e di molte altre cose. È fondamentalmente uno strumento di scelta.

Di fronte a qualcosa la mente fisica vuole risolvere il problema. Non è a suo agio. Non è abituata a pensare, ad analizzare o a stare seduta con ciò che viene percepito come un desiderio da soddisfare. Per l’esistenza quotidiana, per soddisfare le richieste della società e per tenere insieme corpo e anima, questo è uno strumento eccellente. Non va confuso con la coscienza che siete. Ciò che siete non è cittadino del tempo o del luogo. Non siete di questa Terra. Non siete di questa epoca. Prima dell’inizio del tempo, esistevate. Esistete in tutte le creazioni possibili. Siete un tutt’uno con l’infinito Creatore. Riuscire a separare questi due filoni dell’essere è talvolta estremamente utile quando si lavora con i desideri. Infatti, ciò che siete in quanto cittadini dell’eternità è, di per sé, ciò che questo strumento chiamerebbe un luogo sicuro per riposare da questo processo apparentemente incessante di nascita del desiderio e di soddisfazione o scomparsa del desiderio.

Assicuratevi che quando usate la mente la usiate come fareste con qualsiasi strumento o risorsa. Assicuratevi di non permettere alla mente di usare voi stessi. Infatti, come abbiamo detto, la mente del veicolo fisico ha una vita propria e può e vuole portare la vostra coscienza alla distrazione se permettete alla mente di correre via con voi. È un buon strumento. È un povero, povero maestro. Suggeriamo piuttosto di avvicinarsi al lavoro con desiderio dal cuore, perché il cuore è quel punto del sistema energetico del corpo in cui l’unico Creatore infinito risiede e attende di essere raggiunto dal cuore speranzoso. È come se ciò che desiderate più intensamente con il vostro spirito e la vostra anima fosse già dentro di voi, più vostro del vostro respiro o del battito del vostro cuore, più vicino a voi delle vostre ossa e della vostra carne, così che il giudizio, l’analisi e la comprensione che avete dentro di voi e che potete applicare alle domande che avete sul desiderio sono al loro posto, in attesa che raggiungiate la quiete e la fiducia in voi stessi, per rivolgervi a loro e permettere loro di avere pieno potere.

Il fatto che un ricercatore decida di comprare quest’auto, quel computer o quella tenda più grande, in un modo molto importante, non fa quasi alcuna differenza nella vita spirituale del ricercatore che fa queste scelte. Ma quando vi spostate nell’area dei desideri di qualità, di verità, di capacità spirituali più elevate, allora cominciate a lavorare con desideri che sono molto utili in termini di accelerazione del vostro sé spirituale, di avanzamento di quel processo di evoluzione dello spirito per il quale avete preso carne in primo luogo. Quando avrete questi desideri di cose o di qualità, guardateli da un luogo sicuro e riposante all’interno del vostro cuore, sapendo che avete tutto ciò di cui avete bisogno se siete un tutt’uno con il Creatore infinito, e sapendo che danzate la danza della vita. E mentre vi muovete attraverso i passi di questa bella e intricata danza, sorgeranno dei desideri che potranno essere soddisfatti. Sappiate che questa è un’attività non solo accettata, ma anche protetta, che non vi siete gettati nel baratro della follia solo a causa del desiderio. Perché desiderare è la vostra natura e la vostra gloria, ma cosa desiderate? C’è sempre la possibilità di scegliere.

(continua in inglese…)

Questo channeling è una produzione di L/L Research – maggiori info

Extract from Sunday Meditation © 1999 by L/L Research (Louisville, KY)

Supportaci su Patreon

Accedi a 150+ meditazioni esclusive e corsi per la tua evoluzione
Prova gratis per 7 giorni
Dai un'occhiata

Autore: L/L Research
L/L Research
L/L Research è un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla scoperta e alla condivisione di informazioni per favorire l'evoluzione spirituale dell'umanità. Sito web - Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Commenti

Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Supportaci su Patreon
Accedi a 150+ meditazioni esclusive
e corsi per la tua evoluzione
Prova gratis per 7 giorni
Dai un'occhaiata
Iscriviti alla newsletter
Ricevi i nostri aggiornamenti e novità.
Niente SPAM, promesso!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram