Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. roberta.clerici
  2. Contatto!
  3. 27 Febbraio 2018
Ciao Niccolò, sto rifacendo da capo le meditazioni visto che sono arrivata alla fine. Volevo raccontarti cosa mi è " scoppiata " in testa quando ho fatto quella dell'attivazione STARSEED. A parte la forte emozione e non mi vergogno a scriverlo, il pianto, mi ha riportato alla memoria un pomeriggio di più di 20 anni fa, quando parlando con un amico gli raccontavo quanto non mi sentissi a casa su questo pianeta..come mi sentissi letteralmente fuori posto. Fin da bambina sono stata una molto emotiva, appassionata di animali; e altruista. Quello che dici nella tua spiegazione prima dell'attivazione praticamente mi ci rispecchio da quando sono al mondo. Poi purtroppo, non ho avuto la fortuna di imboccare la strada che sentivo internamente; o meglio ho avuto varie occasioni ma poi non ho mai portato a termine i percorsi che sentivo miei..Vari disguidi mi hanno dirottata anche se so a che cosa credo, non seguo le masse. Certo la vita mi ha cambiata parecchio, ma più che mai lavorerò su di me sperando in un incontro..ravvicinato..Ho provato a caricare delle foto ( di un contattista con cui sono in "contatto";) :D (scusa il gioco di parole)..Un abbraccione..
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao,
credo sia una sensazione che condividi con molti altri... non è facile adempiere ai propri buoni propositi su questa Terra così densa di limiti e contrasto. Ho anche l'impressione che prima di incarnarci, da quella prospettiva così espansa, pensiamo spesso che le cose saranno più fluide di quello che poi si rivelano essere.
Molti Starseed si perdono, ma più ancora alcuni Starseed si lasciano sedurre dal "lato oscuro della forza"... sì, Guerre Stellari contiene un sacco di indizi presi dalle realtà nascoste di questo mondo!
Quindi coraggio, per come racconti tu non sei affatto persa :)
Personalmente gli incontri notturni si sono interrotti quando ho cominciato a cercarli per fuggire dalla banalità del quotidiano, è diventato chiaro che dovevo radicarmi di più e vivere la quotidianità pienamente per poter operare in modo più efficace, ancora non l'ho accettato completamente, ma la presenza di molti amici e fratelli è sempre qui, ogni volta che chiudo gli occhi e guardo verso dentro.

Abbraccio,
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Niccolò e tutti i contattisti...
Non so se può servire .... comunque io,diciamo circa nella terza parte delle meditazione , credo quando si riproponeva l’intento ... ( sono imprecisa perchè avendo fatto la meditazione prima di andare a letto ed essendomi parecchio rilassata ero un po’ in quella fase tra sonno e veglia ) ho avvertito dei brividi in tutto il corpo in modo particolare alle braccia... grazie ciao.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Può essere un inzio di uscita dal corpo. Se accade di nuovo non spaventarti ma cerca di restare immobile e rilassati, le vibrazioni corporee possono diventare parecchio invadenti, potresti anche sentire forti vibrazioni e scricchiolii nella testa, e un forte ronzio nelle orecchie, è tutto normale. Se in quella fase riesci a rilassarti restando immobile e immagini di proiettarti fuori dal corpo, oppure immagini una scena che ti piace e ti ci immergi, puoi cominciare a sperimentare l'uscita dal corpo.
Un 'altro effetto piuttosto invadente è sentire il proprio corpo completamente paralizzato, è di solito moolto fastidioso, ma anche qui se ti rilassi a sufficienza quello è proprio il momento perfetto per proiettarsi fuori consapevolemente.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 3
Risposta accettata Pending Moderation
Accidenti !! Ma supponiamo che ci riesca... come si rientra senza fare cose traumatiche? Basta muoversi con il corpo? Grazie!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. Niccolò Angeli
  2. circa 1 mese fa
  3. #760
Se ti senti paralizzata, hai senso di soffocamento e vuoi "riattivare" il corpo la cosa più semplice è cercare di rilassarsi e mandare l'intento di "riattaccare tutte le spine" (qualcosa del genere). Se cominci ad agitarti interiormente per cercare di muovere il copro paralizzato (questa è la reazione tipica) funzionerà anche questo ma sarà più faticoso .
Se invece ti trovi già fuori dal corpo e vuoi rientrare è sufficiente pensare al proprio corpo e immaginare di proiettarsi al centro della testa.
Se una volta rientrata ti sveli e ti senti strana, un po' come dopo una sbronza, significa che il corpo energetico non si è ben allineato, e allora è meglio fare un pisolino breve appena possibile il che di solito è sufficiente.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 4
Risposta accettata Pending Moderation
Aggiungo anche questo , così mi rispondi in un’unica volta ...
Ho rifatto la meditazione e questa volta quando mi sono immersa davanti al cristallo luminoso e osservandolo dalle sue facce vedevo scene della miavita e della tua personalità, io vedevo sicuramente scene della mia vita, ma ad un certo punto mi si è parata davanti una scena tragica di un evento storico dei nostri tempi in maniera molto insistente ... ( sebbene recente io a in quel anno non ero nata ...ne concepita ...era il 1963). Ho proseguito comunque con la meditazione senza difficoltà... pero me ne sono andata a letto un po’ turbata..
Grazie ciao!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. Niccolò Angeli
  2. circa 1 mese fa
  3. #761
Magari ti sei connessa alla memoria akashica del pianeta, accade a chi ha delle capacità psichiche che si porta da altre esistenze ma che non sono ancora rivelate in quella attuale. Ti consiglio se ti accade di non andare a dormire portandoti dietro il senso di turbamento, cerca di rilassarti e ripulire quella sensazione come puoi. Come tutte queste cose sono normali e potrebbero accaderti sempre di più via via che pari i tuoi canali percettivi, non aver paura o il tuo inconscio chiuderà le porte per proteggerti.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 5
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Niccoló
qui con questa attivazione è successo tutto e il contrario di tutto ...:)
Almeno mi sembra ... è come se da più direzioni arrivino occasioni, possibilità, incontri che aprono a progetti o idee ormai sopite nelle polverose soffitte del dimenticatoio, ma anche orientate apparentemente verso il vecchio da cui mi sembrava di aver gradualmente preso le distanze ( come dicevi tu... lasciandole sullo sfondo )... e poi c’è il “ fuori scena”... mi sento di chiamarlo così... ovvero qualcosa rispetto al quale mi sento, o meglio sono oggettivamente inadeguata..., non dico che non mi risuoni il contesto, ma la mancanza di strumenti ( professionali e personali ) non mi porta ad essere in grado di sostenere il progetto lavorativo a cui ho aderito. È arrivato come un terremoto senza alcun preavviso e adesso mi interrogo su come debba muovermi ... a livello animico ti chiedo : se provi una profonda risonanza con certe persone che incontri nel tuo cammino e dunque con il servizio che sei chiamata a svolgere ma ti accorgi che le tue attitudini ( collegate alla tua personalità che dunque dovrebbe veicolare questa risonanza ) non sono idonee per questo .... Che lettura bisogna dare a questo ? Procedere con un atto di umiltà e ammettere che quell’incontro finisce laddove è iniziato; oppure bisogna provare a insistere su quel percorso così sconnesso e faticoso ? Fin dove la determinazione non si confonde con l’ostinazione?
Mentre scrivo mi rendo sempre più conto che le difficoltà che incontro non intaccano il mio spirito, che sembra quantomai battagliero e anche un po’ divertito individuando l’aspetto comico della faccenda ....ma il mio fisico!... che ne esce completamente scarico salvo poi recuperare, mangiando ( ho un appetito fuori dall’ordinario ma dimagrisco!) e mettendomi un attimo in pausa completa, (il tempo di una meditazione se sono fortunata ) ... ma ovviamente una volta recuperate le forze che comunque sono al 50% innanzitutto non ho la testa per altro ( lasciando indietro del lavoro che non posso comunque lasciare completamente) e soprattutto riaffiora il punto interrogativo sul senso di tutto ciò ...
Insomma tutta questa abbondanza da più direzione e per certi versi con delle modalità che sembrano di forte attrito per come sono strutturata, non mi consentono una lettura chiara portandomi un po’ a disperdermi ....
Nella meditazione Starseed mi ha risuonato molto il fatto di tagliare e togliere rami secchi e zavorre per tornare all’essenziale , cos’è questo essenziale ? Mollare tutto ciò che é faticoso e lasciarsi guidare da ciò che viene e avviene con facilità; oppure mollare proprio tutto ciò che hai in te , nella tua struttura di mente e di corpo per riuscire , questa volta si, a passare dentro la cruna dell’ago di questa sfida lavorativa ?
Proprio non lo so ...
Grazie infinte (come sempre e per sempre ).
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 6
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao,
mi fa piacere che le cose si muovano intorno a te, è sempre un processo molto fertile anche se per l'ego è traumatico.
Io direi che quando qualcosa sembra "faticoso" è il caso di rallentare e ascoltarsi.

Ci si può lanciare in progetto che ci richiedono di imparare cose nuove, di rischiare gli errori e le figuracce e di crescere con uno sforzo di umiltà. Tutto ciò è bellissimo, ma attenzione a non forzare perchè il giudice interiore è sempre in agguato per farci sentire non all'altezza.
Poi naturalmente ognuno è diverso, e per ciascuno il cammino è assolutamente personale. Alcune persone hanno letteralmente bisogno di vivere sul filo del rasoio, di spingersi ancora e ancora oltre senza mai riposarsi... questo le fa sentire vive. Io come sai sono un tipo molto tranquillo e quindi posso solo parlare da questo punto di vista.

Se impegnarti in un nuovo progetto significa assumerti da subito responsabilità che coinvolgono anche altri e ciò ti suona pesante e faticoso, fermati. Comincia gradualmente se è possibile.
Io ogni volta che ho avviato un nuovo progetto con altre persone ho sempre detto "facciamo una prova". Voglio viaggiare leggero e assumermi maggiori responsabilità solo nella misura in cui ciò mi motiva a espandermi, se no non ne vale la pena.
Se le persone che incontri viaggiano sulla tua stessa onda, di loro chiaramente come ti senti e qual'è la tua disponibilità reale, credo lo apprezzeranno.
Insomma, aprirsi al nuovo non significa necessariamente lanciarsi nel vuoto... a me risuona di più l'immagine di uno che piano piano si inoltra nelle acque fredde di una fonte di montagna. All'inizio sembra molto scomodo, ma un centimetro dopo l'altro... alla fine ci prendi gusto.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 7
Risposta accettata Pending Moderation
Caro Niccolò,
qui mi si chiede di saltare, dunque è impossibile fare a piccoli passi ... o salto .... e, con molta probabilità , cadrò in acqua ... oppure aspetto la prossima barca che magari si avvicinerà un po’ più al molo e sarà più semplice saltarcisi sopra ...! Il mio mare in superficie è molto in tempesta e ogni cosa può essere interpretata in un modo o nell’esatto contrario ... ma nelle profondità il mio mare è calmo ... devo solo contattare quelle profondità e capire cosa mi dice ...e poi ti farò sapere....chi l’ha detto che bisogna scrivere solo i successi!! Grazie ciao! Ti abbraccio anche io!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Contatto!
  3. # 8
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.