Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Franci
  2. Coscienza
  3. 11 Ottobre 2017
Ciao Niccolò,scrivo per avere una risposta ad un problema che devo affrontare tra pochi giorni. Ho ascoltato molte volte il video avere ragione o essere felice. Motivo che non so ancora come andrà a finire,mi spiego....ho sempre cercato di evitare l'appoggio di un avvocato e quindi cercato di evitare l'affronto,cercando la pace dentro di me...cosa che da agosto (dopo 10 anni)mi sono vista costretta a cambiare punto di vista. L'ennesima discussione,l'ennesima mancanza di rispetto verso i figli,e l'ennesima goccia di fronte ad ogni accettazione di questa situazione,e pur di non arrivare a questo punto,ho sempre accettato silenziosamente sperando di non arrivare a rivolgermi ad un avvocato. Il mio non è volermi sentire superiore,ma un punto per dire basta ad un padre che danneggia lo stato psicologico dei figli,toccando la sfera economica e toccando la sfera psicologica con atteggiamenti di superiorità,un padre padrone da cui i ho preso i figli e me ne sono andata. Ora mi sono appoggiata ad un avvocato e tra pochi giorni lui riceverà la lettera con dovuti obblighi. Io ora ti scrivo perche non so piu come procedere interiormente e affrontare lui con tutta la sua ira che sbotterà. Non so piu se ho fatto bene o male e comunque precisamente mi fa paura. Io credo che lui abbia bisogno di questo,credo di essere arrivata ad un punto che se mi tiro ancora indietro,lui si senta ancora di piu onnipotente e senta ancora piu in diritto di comportarsi cosi. Preferisco avere ragione o essere felice? Io preferisco essere felice,ma se non faccio nulla come ho fatto fin'ora lui prevarica su di noi sempre di più. Dici di restare nella mia carica emozionale,ma io personalmente sento che questa è la cosa giusta da fare. Non so se mi sono spiegata bene. Ti ringrazio e attendo risposta.
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao,
per chi ci legge, questo è l'insegnamento in questione: https://accademiainfinita.it/video/601-avere-ragione-o-essere-felici

Scegliere di essere felice non significa non agire, così come "porgere l'altra guancia" non significa lasciare che ti prendano a schiaffi.

Prima di tutto porgere l'altra guancia quando ti senti aggredito o minacciato da qualcuno significa connettersi con il proprio Sé Superiore e contemplare il fatto che, a un livello più ampio, quello che stiamo vivendo come un conflitto è in realtà un gioco di attori. Questi agiscono e reagiscono in modo più o meno consapevole, ma così facendo imparano e crescono sempre, anche se il loro gioco si fa violento.

A un livello più ampio, vittima e carnefice cessano di esistere... in altre esperienze di vita sono magari grandi amici, i Sé Superiori di entrambi i soggetti magari stanno guardano interessati la scena, così come si guarda un film drammatico in TV.
Ma è solo un film, e più lo si riconosce più il film da drammatico diventa comico.
Una volta contemplato questo fatto, non è necessario diventare "santi" immediatamente.

Possiamo benissimo re-immergerci nel livello diciamo "inferiore", e recitare ancora per un po' il ruolo della vittima o del carnefice. Ma lo faremo essendo più consapevoli che è solo un ruolo, e che la vera verità è infinitamente più interessante di quel temporaneo conflitto.

Dunque possiamo prendere le armi e combattere, possiamo attaccare e difenderci, possiamo lottare per la "giustizia" che in quel momento percepiamo, e lottando possiamo vincere o fallire.

Se naturalmente, sinceramente, sentiamo l'impulso a non lottare, non per paura ma perchè è fiorita in noi la consapevolezza che non abbiamo più bisogno di farlo, che siamo pronti per altro, allora possiamo avviarci verso una vita più santa, ma deve essere qualcosa che sorge spontaneamente.

Ricorda, l'importante è essere sempre consapevoli di cosa creiamo nella nostra vita. Ogni nostra scelta e azione ci dà un risultato, il quale stimolerà altre scelte e così via...
quando scegli di andare da un avvocato, attivi quella particolare energia e cominci anche a comunicare con il serbatoio energetico di tutti coloro che lo hanno fatto prima di te. Questo può essere faticoso da sostenere, perchè si tratta di un'energia molto caotica.

Quando si sceglie una strada di questo tipo, è bene allenarsi ad essere distaccati, perchè se ci mettiamo anche il nostro caos emozionale allora è facile perdersi.

Anche se la persona fisica che abbiamo di fronte ci risulta insopportabile e la consideriamo cattiva, è necessario risolvere la carica che abbiamo accumulato contro di lei anche per avere maggior successo in ciò che vogliamo ottenere da lei, o comunque per ottenere un risultato che sia libero da contraccolpi fastidiosi.
Connettendosi alla parte superiore della persona verso cui ci sentiamo in conflitto, possiamo scaricare questo attrito gradualmente, pur continuando a giocare alla guerra con lei. Per fortuna, gli avvocati possono sporcarsi le mani per noi, così non c'è un bisogno "pratico" di affondare fino alla cintura in quella situazione.

Per concludere, se vivi un conflitto osservalo in modo più ampio, cerca sempre di allargare la prospettiva valutando anche quale tuo conflitto interiore la realtà esterna sta riflettendo. Nel frattempo segui il sentiero della minor resistenza, su questo sentiero potrà anche esserci l'avvocato o una causa, va bene così... ma è solo una tappa di un processo più ampio, e per quanto arduo e doloroso è una buona occasione per liberarsi di molta zavorra. Ogni conflitto lo è.

Abbraccio,
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Grazie.....sto aspettando di scriverti perchè aspetto ancora che riceva la lettera. Sto vivendo tutto questo con paura e ansia e non riesco a viverla e stare li con queste emozioni :(
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Sto vivendo tutto questo con paura e ansia

è più che naturale, non ti abbattere per il fatto di provare emozioni negative... non sono piacevoli, ma ci sono anche loro e vanno attraversate.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 3
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao a tutti...e' successo anche a me e ai miei figli di essere ad un bivio decisionale...denunciare quindi dare in mano ad un avvocato i torti subiti oppure cambiare strategia.In questo caso nn è il padre dei miei figli in causa ma il loro maestro di karate ..un maestro di vita...posso solo dire che con le menzogne ha sedotto e seduce ancora altre persone....è una persona che ha bisogno di aiuto ma nel contempo anche chi gira intorno a lui dv sapere con chi ha a che fare....tutte queste parole per dire che alla fine siamo noi che creiamo la realtà che viviamo..se abbiamo creduto alle menzogne anche terribili di questo maestro di karate è xche dovevamo capire altro..per es.la tolleranza..il venir incotro a ch è seriamente fuori da un minimo di consapevolezza....questo nn potrà giustificare determinati comportamenti ma farà andare oltre il giudizio e come dice Niccolò la comunicazione avverrà con il se superiore..l unico in grado di abbracciare ciò che va oltre il velo...grazie x chi leggerà
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 4
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.