10 Gennaio 2023
  3 Replies
  136 Visits
Ciao Niccolò. Intanto ti ringrazio per qualsiasi parola e indicazione vorrai mandarmi. Non ti scrivo spesso x non disturbarti ma solo quando sono veramente in difficoltà e le tue parole mi hanno sempre aiutata, di questo ti sarò grata per tutta la vita ♥️
Cerco di essere veloce. 5 anni fa io e mio marito abbiamo scoperto di non poter avere bambini naturalmente e abbiamo iniziato con la procreazione assistita. I primi 2 tentativi sono stati un esperienza orribile: i medici ci trattavano male, i farmaci mi hanno quasi uccisa... Era evidente che avevamo affrontato la cosa in modo superficiale, senza lavorare sulle nostre resistenze interiori. Così abbiamo preso la strada "razionale" e abbiamo indagato i nostri problemi di salute, scoprendo che mio marito aveva un grosso problema andrologico. Durante la sua operazione chirurgica, con solo il 25% di possibilità di successo, io ho attivato la meditazione da te chiamata "trattamento a distanza". È stata un esperienza di trans profondo, dove ho dialogato a lungo con l'anima di mio marito chiedendole di guarire la sua infertilità. L'operazione è andata benissimo e adesso lui è perfettamente in grado di avere bambini. Abbiamo così fatto altri 2 tentativi di procreazione assistita andati però male. Io ho dunque affrontato un lungo periodo di depressione, superato con lo yoga, la meditazione e soprattutto un lungo lavoro con una donna fantastica che mi ha aiutata a individuare le mie resistenze interiori e affrontarle con l'aiuto della legge della risonanza. A marzo 22 ho avuto un grosso problema ginecologico che mi ha portata ad un arresto cardiaco e ad un esperienza di premorte. Quando sono tornata nel mio corpo ho preso la decisione di cambiare approccio al mio problema e ho rivoluzionato la mia vita. Ho speso tutti i risparmi famigliari per farmi curare da un equipe di dottoresse eccezionali e finalmente hanno individuato le cause della mia incapacità a rimanere incinta. Sono felicissima di aver incontrato queste donne eccezionali e non pento di nulla.
A dicembre 22 finalmente sono rimasta incinta ma purtroppo ho perso il bambino.
Attualmente ho due embrioni crioconservati e fra un paio di mesi proverò ancora il trasferimento in utero. Sto cercando di capire perché ho attirato l'esperienza dell'aborto e credo che sia stato perché vivevo nella sensazione della mancanza. Avevo bisogno di realizzare che la mia vita è bellissima già così e non mi manca nulla x essere felice. Nelle settimane di natale ho infatti avuto un epifania, sono stata invasa da immenso senso di gratitudine x tutto ciò che ho e per la consapevolezza conquistata che io posso avere un bambino! È molto bello avere finalmente questa certezza!

La mia domanda è: ha senso praticare la meditazione del "trattamento a distanza" verso l'anima dei due embrioni che ho crioconservati? Potrei dialogare con la loro anima per chiedere loro di diventare i miei bimbi?
Vorrei farlo, ma temo sia un tentativo di forzare la legge della risonanza entro i limiti del razionale.
Qualsiasi consiglio tu voglia darmi x affrontare i mesi che vengono, te ne sono grata.
Ti abbraccio forte.
Vanessa
circa 2 settimane fa
·
#2723
Ciao Vanessa,
che incredibile storia di trasformazione, grazie di condividerla :)

Ho sentito tante volte le storie di coppie che vogliono avere un figlio con tutte le forze incontrando ostacoli incredibili.
Credo siano grandi lezioni su come a volte il nostro volere umano generi resistenze quasi miracolose... anche questa è manifestazione, anche se potremmo chiamarla "manifestazione negativa".

Io penso che puoi certamente connetterti con le anime in attesa di abitare gli embrioni. Comunicare è sempre bello. Non c'è bisogno di forzare o convincere, ma basta mandare amore.
Ogni volta che c'è un embrione fecondato, c'era già un'anima in attesa di abitarlo.

Sii consapevole però della risonanza. E' probabile che, date le vostre difficoltà a concepire, le anime in attesa siano anche loro anime che hanno difficoltà ad incarnarsi, che sono indecise o magari vogliono vivere l'esperienza dell'aborto... fare solo un brevissimo giro di giostra.
Non prenderla assolutamente come una verità assoluta, è solo una probabilità, ma sii consapevole.
Scusami se mi sono dilungato oltre la risposta che chiedevi, ho vissuto anche io due aborti e per questo il tema mi sta a cuore :)

Abbraccio
circa 2 settimane fa
·
#2724
Ciao Niccolò, ti ringrazio profondamente delle tue parole e della tua condivisione. Non sapevo che anche tu avessi vissuto l'esperienza dell'aborto.. Ti mando un forte abbraccio 🌟
È stato davvero dolorosa e sto mettendo moltissima energia nel tentativo di vedere gli elementi positivi di questa esperienza. Nel mio caso è stata la prima volta che sono rimasta incinta, quindi mi sto concentrando sulla consapevolezza che Posso Farcela! Posso avere una gravidanza, nulla me lo impedisce a livello clinico. Per me questa è già una grande conquista rispetto al passato.

Rispetto alle "manifestazioni negative", hai ragione, siamo a volte capaci di cose incredibili! Nel mio caso, io ho realizzato che avevo introiettato una serie di convinzioni autolimitanti che mi aveva tramandato il ramo materno della mia famiglia. Arrivo da almeno 3 generazioni di donne che hanno vissuto male la gravidanza e che ne hanno sempre parlato negativamente come un'esperienza che ha fatto perdere loro qualcosa di prezioso (il lavoro o il marito). Dato che ho un lavoro e un marito che amo moltissimo, avevo dentro di me la convinzione che li avrei persi a causa della gravidanza, quindi inconsciamente mi autosabotavo ogni volta che facevo la procreazione assistita... Ormai è un anno che lavoro su queste resistenze. Ma l'esperienza di premorte che ho fatto a marzo mi ha fatto fare come un salto coscienziale. E da lì ho capito che dovevo cambiare tutto il mio approccio alla vita e alla gravidanza. E poi tutto è andato progressivamente sempre meglio. Anche nel mondo materiale, ogni azione che ho compiuto verso la gravidanza ha incontrato sempre meno resistenza. Fino ad arrivare a questa gravidanza di dicembre, che è stata un esperienza bellissima seppur breve...

Rispetto alle anime degli embrioni che ho crioconservati, c'è secondo te la possibilità che nel dialogo con me cambino idea, nel caso loro siano indecise se incarnarsi?
Oppure è tutto già deciso?
Eventualmente, con quale frequenza potrei connettermi a loro, secondo te?
Non vorrei forzarli ma nello stesso tempo non vorrei che si sentissero abbandonati da me...

Ti mando un forte abbraccio e ti ringrazio di cuore delle tue parole e della tua condivisione. Ti sono vicina con tutto il ❤️
Vanessa
circa 2 settimane fa
·
#2725
Rispetto alle anime degli embrioni che ho crioconservati, c'è secondo te la possibilità che nel dialogo con me cambino idea, nel caso loro siano indecise se incarnarsi?
Oppure è tutto già deciso?
Eventualmente, con quale frequenza potrei connettermi a loro, secondo te?
Non vorrei forzarli ma nello stesso tempo non vorrei che si sentissero abbandonati da me...


Io la vedo come una conversazione. Le conversazioni ci fanno certamente vedere punti di vista diversi, cambiare opinione e così via. A una persona che amiamo veramente vogliamo fare sentire che noi ci siamo per amarla e supportarla, senza imporle nessuna scelta o aspettativa.
La frequenza da usare per comunicare è sempre quella del chakra della gola, in questo caso unita a quella del chakra del cuore. Potresti cantare loro una canzone per connetterti e poi comunicare con il cuore... ma solo se ti viene spontaneo :)
  • Pagina :
  • 1
Non ci sono ancora risposte per questo post.
Rispondi per primo!