Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Carmine Ferrara
  2. L'arte della creazione consapevole
  3. 13 Dicembre 2020
Ciao Niccolò. Dopo aver seguito le tue lezioni sul desiderare, mi è sorta una domanda. Quando parliamo di desiderio, esistono desideri o bisogni comuni a tutti gli individui? E ne esistono di soggettivi e personali oppure questi ultimi sono soltanto desideri indotti e provocati dai condizionamenti sociali? Quando tu inviti a desiderare, ti riferisci ai desideri di base e comuni a tutti gli esseri umani oppure ciascuno di noi deve scoprire prima i propri personali desideri (sia materiali che non materiali) e seguire quindi il processo stesso del desiderarli? Grazie.
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Carmine,
tutti i desideri fanno comunque capo a delle radici comuni, non solo agli esseri umani, ma a tutti gli esseri.
Tutti gli esseri desiderano vivere ed evolversi, e di conseguenza nutrirsi, riprodursi... ma anche esplorare, imparare e poi creare.
Di base tutti desiderano muoversi verso maggiore piacere, esplorando gli infiniti livelli di questo stato di coscienza.
Ma il desiderare ha senso solo se vissuto attraverso la soggettività del proprio punto di vista, attraverso le preferenze e le passioni personali che fanno di te qualcosa di unico e irripetibile.
Quindi si tratta di navigare tra questi desideri personali, capendo quali sono veri e quali sono illusori. Quali appartengono al cuore e quali ella mente, se preferisci.
Nel corso ho dedicato a questo tema già un po' di spazio, quindi non sto a elaborarlo qui.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Rispondi per primo!