Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Carmine Ferrara
  2. L'arte della creazione consapevole
  3. 13 Maggio 2020
Ciao Niccolò. Ho appena ascoltato la video-lezione sull' essere integri e la trovo molto interessante e stimolante.

Nell'ultima parte, in cui parli dei desideri, se ho ben capito tu dici che dentro ciascuno di noi ci possono essere desideri talvolta repressi per via dei condizionamenti sociali. E che, questi desideri repressi, possono tramutarsi in espressioni inconsapevoli del nostro essere, nel breve, medio o lungo termine.

Ragion per cui consigli di trovare un modo per esternare questi bisogni profondi e inespressi, in un modo che ci permetta di far fluire l'energia in essi racchiusa, piuttosto che nasconderla, reprimerla, rifiutarla.

E suggerisci, infine, di provare a usare il proprio potere dell'immaginazione per "giocare" un po' con essi, educarli e veicolarli... Proprio in un altro post ti avevo già parlato della fantasia e ti avevo chiesto se, in taluni casi, essa possa essere anche pericolosa per noi. In questa lezione trovo conferma nelle tue parole, quando dici che l'immaginazione va usata con consapevolezza, perchè altrimenti può divenire "pericolosa". Ho capito bene il senso delle tue parole?

In passato mi è capitato talvolta di trovarmi di fronte alle mie ombre e, proprio come hai detto tu, non ho proprio voluto reprimerle e ho provato a trovare dei veicoli che facessero fluire l'energia che stava divenendo stagnante dentro di me. L'immaginazione è divenuta uno strumento con cui interagire con quelle ombre ma, probabilmente, non ne ho fatto un uso abbastanza consapevole perchè ad un certo punto, la fantasia ha preso il controllo su di me.

C'era una sottile linea di confine tra realtà e immaginazione e quante più volte mi avvicinavo a questa linea di confine, tanto più rischiavo di non essere più capace, una volta oltrepassata, di ritornare indietro. E infatti sono divenuto vittima della mia stessa immaginazione. Ciò che desideravo lo immaginavo e ciò che immaginavo diveniva reale. Almeno nella mia mente. Poi, quando uscivo dalla mia mente, e mi ritrovavo nella realtà di tutti i giorni, mi rendevo conto che il mondo era diverso da come lo avevo fantasticato e fu molto doloroso questo "risveglio".

Ho trovato, inoltre, che nel mio caso particolare la scrittura creativa può essere un veicolo per far fluire l'energia dei desideri repressi: puoi raccontare una storia o scrivere una poesia e inventare i tuoi personaggi, così come la tua trama. Nessuno saprà mai cosa ci sia dietro! La scrittura si intreccia con la fantasia e l'immaginazione. A distanza di un po' di tempo da quella esperienza vissuta in passato, mi sono reso conto di quanto importante sia essere consapevoli anche della propria immaginazione, perchè se lasciata troppo libera, genera attaccamento, confonde la percezione della realtà, infine, causa sofferenza.

Mi piacerebbe sapere una tua opinione, se ti va, anche su questo aspetto dell'espressione creativo/artistica sia come strumento di espressione del proprio mondo interiore, sia come strumento "terapeutico" e di accrescimento della consapevolezza.
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Carmine,
"esprimere" in qualsiasi modo e tramite qualsiasi mezzo tu lo faccia, è fondamentale. Il mezzo creativo/artistico è perfetto per esprimere a livello intuitivo, dovrebbe essere secondo me sempre il primo mezzo, poi viene quello analitico/razionale.

Poi, quando uscivo dalla mia mente, e mi ritrovavo nella realtà di tutti i giorni, mi rendevo conto che il mondo era diverso da come lo avevo fantasticato e fu molto doloroso questo "risveglio".


L'immaginazione è uno strumento potentissimo come ben sai, e diventa pericolosa proprio quando la si usa senza equilibrio e coscienza. "Fantasticare" su una determinata realtà che si desidera va benissimo, è utile; ma se ciò è intriso di aspettative o se è un modo per fuggire da un'altra realtà che invece si deve attraversare/accettare, allora non si fa altro che creare un potenziale di frustrazione e sofferenza.

Creare la realtà è un'arte che richiede più di essere vuoti che essere pieni. Inizialmente magari ci si butta in questo viaggio attratti dagli specchietti della "legge di attrazione", ma prima o poi ci si rende conto che le cose sono assai più ricche e complesse di come si immaginava. L'impulso creativo maschile è solo una scintilla iniziale che ci è richiesta, il grosso del "lavoro" è l'apertura accogliente femminile, qualcuno la chiama "l'arte del permettere".
Pensiamo spesso che creare sia solo un processo attivo, e qui è dove cominciamo a deragliare. Manifestare la realtà può talvolta essere un processo di apertura e accoglienza talmente grande, che quasi non si sa più cosa si desidera, ma semplicemente ci si apre alla vita così che manifesti per noi le cose che non sappiamo di desiderare, ma che pure sono i nostri veri desideri. Tutti facciamo questo passo, prima o poi, e più resistiamo a questa apertura più diventa faticoso e frustrante creare la propria realtà.

Nella lezione a cui fai riferimento intendevo poi un aspetto specifico, e cioè il fatto che se non ci si permette di esprimere i lati oscuri questi diventano fantasie morbose e poi magari anche atti violenti verso gli altri (che sia violenza fisica o psicologica non fa poi tanta differenza).
Quindi se uno ad esempio sente il desiderio di picchiare un'altra persona, perchè prova una terribile rabbia, è importante accettare quell'emozione e esprimere quella rabbia. Certo non verso la persona, ma ad esepio verso un cuscino o un sacco da box. Sembra banale ma ciò permette una rapida trasformazione della rabbia/violenza in accettazione. Perchè ogni emozione è prima di tutto un flusso energetico,e se permettiamo al corpo di esprimere quell'energia il flusso si trasforma.

Reprimere le emozioni considerate "negative" è sentiero sicuro per creare molto dolore, dentro e fuori di sè; ma molto spesso continuiamo a farlo (specie gli uomini) perchè ci hanno insegnato che non va bene provare certe emozioni, che bisogna essere tutti d'un pezzo e mostrarsi sempre in controllo della situazione.
Molto spesso depressione, cancro, malattie autoimmuni etc. sono una direta espressione di questo atteggiamento. E' l'unco modo che la nostra Anima ha per esprimere quello che abbiamo represso con tanta decisione, e così "costringerci" a guardarlo.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. Carmine Ferrara
  2. circa 3 mesi fa
  3. #798
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Rispondi per primo!