Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Coscienza
  2. 11 Settembre 2019
È proprio vero che siamo tutti sostituibili? Se si lascia una persona prematuramente e contro la propria volontà (perche obbligati a farlo da varie paure) , prima che la relazione abbia raggiunto il suo scopo.. Possibile che noi avremmo comunque sempre un conto in sospeso con quella persona? La storia che siamo tutti sostituibili mi puzza. :D
Risposta accettata Pending Moderation
Penso che in quanto umani, ci possiamo affezionare e possiamo voler bene alle altre persone. Penso anche che quando poi l’altra persona si allontana da noi (per un certo motivo), possiamo soffrire perché la nostra mente è convinta di aver bisogno di quella persona per stare bene. Si è convinta così e forse è una illusione.

Non so se siamo tutti sostituibili, però credo che è bene imparare a non dipendere mai da nessuno nel senso che il nostro equilibrio e serenità non dovrebbero dipendere dall’altra persona.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
A questa domanda interessante risponderò unicamente in base alla mia esperienza personale e mi piacerebbe condividere altri punti di vista e forme di pensiero differenti.
Ogni individuo sul pianeta Terra, come già detto anche da Niccolô
ha un suo percorso evolutivo di crescita. Il caso non esiste, anche se scegliamo un determinato percorso, una persona, un'amica questa scelta viene fatta secondo la nostra crescita evolutiva di quel momento.
Siamo persone uniche che si trovano in un cammino di crescita quindi.
Le nostre paure sono parte del nostro cammino ed osservarle e comprenderle ci aiuta ad evolvere. Credo che "il compito" sia unicamente riguardo la nostra evoluzione.
Miriam
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao a tutti.
Io penso che nessuno sia sostituibile, proprio in quanto unico.
Certamente quando alcune relazioni finiscono ne possono nascere altre nuove, in cui magari ci sentiamo meglio perchè in quel momento c'è più risonanza e affinità d'animo con quella persona. Ma se si lascia qualcuno in conseguenza di paure non elaborate, e quindi si ha la sensazione di aver lasciato come hai scritto tu "prematuramente", quel sospeso secondo me continua a galleggiare dentro di sé, anche se si cerca di non guardarlo e lasciarlo in qualche angolo nascosto sotto il tappeto. Diventa un po' come un non detto che appesantisce l'anima quanto più la relazione era significativa (indipendentemente dalla sua durata).
Inoltre se non si risolve con se stessi quel tipo di dinamica, essa tenderà a ripetersi nelle relazioni successive, anche se l'altro avrà caratteristiche diverse da chi abbiamo lasciato inizialmente.
Questo è il mio pensiero e punto di vista.

Un abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 3
Risposta accettata Pending Moderation
Grazie Alessia per il tuo punto di vista che condivido pienamente. Trovo
importante il lavoro di crescita personale che ognuno di noi svolge con se stesso.
A volte vedo persone che nella relazione preferiscono osservare ciô che non va nel partner piuttosto che mettersi in discussione. Questo, chiaramente accade inconsapevolmente, perchè appunto non vogliono elaborare le paure.
Molte volte queste paure sono radicate nell'infanzia e riconoscerle non è sempre facile.
Un abbraccio
Miriam
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 4
Risposta accettata Pending Moderation
La penso come voi e, anzi, la tua riflessione, Miriam, mi ha ricordato proprio il mio comportamento. In una amicizia recente sono venute a galla dentro di me un sacco di paure represse che, a tratti, hanno assunto il controllo su di me. :)

All'altra persona penso sia accaduta la stessa cosa, in maniera simmetrica. Così il rapporto è esploso. Ciascuno si aspettava che l'altro si comportasse in modo diverso ma questa era solo una esigenza frutto di paure che, come dici, non sono state elaborate.

Penso comunque che la mia decisione di allontanarmi da questa persona sia stata salutare, almeno per me. Sentivo di aver bisogno di silenzio, di spazio, di tempo, proprio per elaborare le cose. Finchè fossi rimasto dentro quel rapporto, sarebbe stato più difficile osservare le cose con consapevolezza.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 5
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.