Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Carmine Ferrara
  2. Coscienza
  3. 8 Settembre 2019
Seguo questo blog con interesse da diverso tempo e ho recentemente partecipato al sondaggio sull’opportunità di condividere spunti e consigli sulla finanza personale. Siccome sono interessato all’argomento da tempo e, nello specifico, sono affascinato dall’idea di poter avviare, un giorno, un mio progetto di editoria digitale, ho pensato di chiedere consiglio su una cosa alla quale sto pensando molto.

Sento che mi piacerebbe condividere idee, spunti e consigli con gli altri, attraverso la rete. Come tutte le persone, anche io ho attraversato momenti belli e momenti brutti, momenti difficili che ho pian piano superato. Mi farebbe piacere poter condividere queste mie esperienze con chi ha le idee un po’ più confuse.

Allo stesso tempo, però, sento che il mio percorso di crescita spirituale ed umana non è ancora giunto ad un livello di maturazione tale da permettermi di pormi come punto di riferimento per quegli stessi ambiti dei quali mi piacerebbe trattare in un progetto di editoria digitale. Ne è la prova il fatto che io stesso sto ancora attraversando momenti di difficoltà e paura e sono io stesso alla ricerca di consigli e guide spirituali.

Quanto potrei offrire al momento è una condivisione di esperienze, idee, alcune ancora in divenire, consigli (non sempre corretti) e, più in generale, un percorso di esplorazione e analisi da fare, in parte, insieme ai miei stessi (potenziali) utenti.
Prendiamo, ad esempio, un progetto di editoriale che possa illustrare il mio percorso di introspezione e crescita attraverso le difficoltà della vita che io stesso ho incontrato, affrontato e, talvolta (non sempre) superato. Secondo voi la rete è pronta ad accogliere un progetto di questo tipo? O forse, l’utente di internet è interessato a risposte precise, concrete e definitive su problemi che lo riguardano? Come posso (se posso) conciliare il bisogno di condividere, che sento profondamente, con quello di sentirmi a posto con la coscienza, perché in questo momento non me la sento di pormi come “guru” o punto di riferimento “assoluto”?

Dovrei aspettare ancora per avere la certezza di avere qualche cosa da insegnare o provare a condividere quel poco che so e magari, come dicevo prima, avviare un percorso di esplorazione e di crescita insieme agli altri, senza preoccuparmi troppo?
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Carmine,
mi trovo particolarmente vicino al tuo sentire perchè quando ho cominciato io a condividere insegnamenti, ad esempio, sulla guarigione emozionale, mi trovavo ancora nel bel mezzo di diversi processi personali, e mi sono fatto molto spesso l'esame di coscienza che ti stai ponendo tu, non di rado cadendo in profondi dubbi sul senso di quello che facevo.

Ora sono molto cresciuto e ho superato gran parte di quei processi, per cui quando condivido qualcosa mi viene spontaneo farlo da una posizione più autorevole, più solida. Ma mi domando... se non avessi iniziato allora a condividere (quando ero ancora "in via di guarigione";) sarei arrivato dove sono ora?

Ho riflettuto molto sulla domanda che tu stesso ti poni e io credo che quando sentiamo un sincero bisogno di esprimere il proprio sentire (o il proprio sapere) bisogna seguire quel desiderio, l'importante è non ammantarsi di una autorevolezza che magari ancora non si possiede. Si può insegnare con umiltà, mostrando anche la propria debolezza e il proprio personale processo, facendo sapere a chi ci scolta che non siamo "arrivati", ma abbiamo comunque delle cose da dire.
Le persone lo apprezzano immensamente, perchè è una qualità rara in quest'era dove molti si mascherano di una luce che non possiedono ancora, forti del gap percettivo dei mezzi virtuali.

Ciò detto, secondo me l'umiltà dovrebbe essere qualcosa di spontaneo, e non un continuo "mettere le mani avanti". Non credo vada bene continuamente sottolineare la propria piccolezza o inadeguatezza. Bisogna saper giocare a sentirsi grandi pur prendendo atto che è solo un gioco, talvolta bisogna recitare la parte di un insegnante pur essendo consapevoli che saremo sempre eterni studenti.

Di persone come te, che si fanno tali esami di coscienza, c'è un grande bisogno oggi come oggi. C'è bisogno di uomini e donne che si mettano in gioco condividendo la loro passione, senza nessuna presunzione ma con gioia e autenticità.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao e grazie per la risposta. Mi fa piacere il tuo sostegno. :D
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Carmine,
ti appoggio anche io!! Anche io sento una forte esigenza di condividere ... perché ho la profonda convinzione che questo porti condivisioni autentiche di altri che possono aiutare me... L’immagine evocata mentre scrivo è di quella di me adolescente durante i temutissimi compiti in classe di latino o greco, quelle incomprensibili versioni che piano piano venivano dipanate un po’ da te e un po’ da qualche aiutino reciproco che ci si dava fra compagni affiatati, non necessariamente i più “ secchioni”... ma quelli con cui ci si aiutava sempre ...
Per quanto mi riguarda la vedo non tanto come un discorso di insegnare ma proprio di apprendere ....
l'ostacolo maggiore all’inizio credo sia l’essere giudicato o ancora peggio ignorato... ma sto capendo, con le riflessioni di Niccolò, che anche questo è un buon insegnamento, anzi forse il primo e il più importante: no aspettative !
Grazie per la condivisione!?
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 3
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Laura. Mi piace l'entusiasmo! Per me è un discorso di apprendimento ma anche di espressione "artistica" (mi piace proprio scrivere e farmi leggere), di condivisione, di supporto. Non lo so se, come dici tu, sia la strada giusta per tutti, forse è soggettivo.

Quando penso al mio passato di adolescente ma non solo, ricordo alcuni momenti di grande difficoltà. Poco alla volta ho compreso tante cose che mi hanno aiutato a vivere meglio alcune situazioni (interiori ed esteriori). Quindi mi piacerebbe poter condividere queste mie esperienze con chi si trova ancora in una fase di confusione.

Questo non vuol dire che io ormai non abbia più alcuna difficoltà, anzi. Alcune cose ora però mi sono più chiare, come se la nebbia si fosse schiarita e voglio che queste cose siano disponibili anche ad altre persone. Imparare e condividere, in un miscuglio di reciproco scambio di energia.

Detto ciò, il mio percorso di crescita spirituale è comunque ancora agli inizi. Sto solo cercando il modo giusto di condividere, consapevole che io voglia dare quello che posso e che mi sento in questo momento. Ti faccio un esempio, così sono più chiaro. Mi ritengo una persona riservata, forse introversa. Questo mio modo di essere mi ha dato tante soddisfazioni ma ho anche vissuto momenti di sconforto e di grande disagio, in particolare se penso ai rapporti sociali. Soprattutto fino a qualche anno fa. Ho vissuto e affrontato tante situazioni difficili e di disagio interiore. Alcune le ho superate, altre ho imparato a gestirle, con altre ancora ci convivo o ne sono ancora in balia. Vorrei però parlare di queste mie esperienze vissute, spiegando come le ho vissute, come le ho affrontate e gestire, come, nel caso, le ho superate. Mi pongo però alcune domande che mi bloccano: "ho la competenza per farlo?" , "sono all'altezza?", "con tanti consulenti in rete e fuori perchè dovrei aggiungermi anche io? Che valore aggiuntivo potrei dare?"
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 4
Risposta accettata Pending Moderation
Ho capito quello che dici ...
Però se si fanno sempre i confronti non si inizia mai ... anche perché non sai neanche dove tutto questo ti porterà ...magari parti e poi il tuo percorso, quando comincia a definirsi meglio, si evolve in qualcosa che solo tu puoi offrire!!!
Io a questo tuo problema applicherei un postulato “Niccoloiano” ( se Niccoló non si offende per la citazione) ?ovvero il problema si può risolvere cambiando il punto di vista, ...se senti profondamente questo desiderio di esprimerti fallo e basta ...lo fai non perché può essere di aiuto agli altri ma perché senti il bisogno di farlo ... perché il farlo aiuta te...a seguire la Tua strada..,se poi gli altri ti seguono e li puoi aiutare è un di più ...anche perché mi sembra di capire che il tuo sentire é abbastanza indefinito ... senti che vuoi condividere ma ti fatto non hai chiarezza su come questo potrà aiutare gli altri ... o magari intuisci qualcosa ma è molto probabile che la realtà sara diversa da come era la tua idea iniziale ..
Dunque io credo che debba salpare ... molla i tuoi censori e vai per la tua strada , di muri ne troverai e tanti .., ma se questo tuo sentire è ben incardinato dentro di te tirerai dritto e alla fine ciò che cercavi lo troverai!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 5
Risposta accettata Pending Moderation
Aggiungerei a quello che ti ha detto Laura, per rispondere alle tue domande, che il valore aggiunto sei proprio tu, con tutto il tuo carico di umanità e incertezza. Non è di consulenze che necessita il mondo, ma di amore e sincerità. E non sono solo parole.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 6
Risposta accettata Pending Moderation
Penso che in me ci siano dei processi in atto per cui ho bisogno di tempo perchè la nebbia "scompaia" e la luce possa splendere. Le vostre considerazioni sicuramente sono un ingrediente che mi avvicina di più alla meta di questo viaggio.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 7
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.