Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. vanessa mascia turri
  2. Coscienza
  3. 14 Luglio 2019
Ciao Niccolò, sono nuova del forum. Ho letto la tua storia e mi ci sono ritrovata profondamente. Sono una ricercatrice universitaria, sono sposata.. Insomma, posso dire di essere realizzata nel mondo terreno. Eppure vivo dall infanzia dei momenti di tali insoddisfazione interiore da portarmi sull'orlo della depressione in diverse fasi. Lentamente, a balzi, la mia consapevolezza interiore sta crescendo e sento il desiderio di sperimentare viaggi extra corporei per passare ad un piano superiore. Le mie domande: serve una preparazione specifica per provarci? Eventualmente, mi puoi consigliare un percorso per sperimentare tali viaggi? Mi puoi indicare delle tecniche per farlo in sicurezza? Ho letto molto a riguardo, così come su tante altre esperienze, ma ho il timore di addentrarmi in.tale sperimentazione senza l'adeguata preparazione. Grazie mille, un caldo abbraccio
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao,
il primo passo è imparare a rilassarsi completamente.
Ci sono molte tecniche per farlo, io ne ho condivise qui sul sito alcune molto semplici (https://accademiainfinita.it/meditazioni-guidate/1104-rilassamento-rapido-del-corpo) e altre più avanzate come lo Yoga Nidra (https://accademiainfinita.it/meditazioni-guidate/pro/1102-yoga-nidra).

Una volta che si è appreso a rilassare completamente il corpo,a parte gli innumerevoli benefici psico-fisici che ciò comporta, ciò facilita anche la capacità di proiettare la coscienza al di là di esso.

Ho condiviso anche alcuni semplici esercizi da fare da svegli a questo proposito (https://accademiainfinita.it/meditazioni-guidate/pro/961-introduzione-alla-proiezione-astrale-esercizi-semplici).

Esiste anche una tecnica rapida e per alcuni particolarmente efficace al fine di stimolare il sogno lucido e l'esperienza extra-corporea (https://accademiainfinita.it/blog/12-coscienza/15-come-fare-sogni-lucidi-la-tecnica-del-risveglio-notturno)

Per quanto riguarda i "pericoli", il rischio maggiore secondo me è quello di usare queste esperienze per fuggire dalla banalità del quotidiano. Da ciò che scrivi potresti correre questo rischio, quindi ponivi particolare attenzione.
Io sono caduto proprio in questa trappola, e ossessionandomi nello stare "più di là che di qua" ho finito per rendere più fragile il mio equilibrio psichico.
DI esperienza ne ho fatte tante, ma ogni volta che le ho cercate per fuggire da qualcosa hanno finito sempre per regalarmi maggiore tristezza e instabilità.

In altre parole, ricordati sempre di avere radici profonde nel mondo materiale se vuoi imparare a proiettarti con successo in altri mondi. Siamo qui per imparare a evolverci attraverso la materialità, altrimenti non avremmo un corpo.

Se ti alleni a vivere con gioia e vera gratitudine le cose della materia, potrai apprezzare anche il fatto che in realtà non esiste veramente un qui e un lì. In altre parole, imparerai che questo mondo apparentemente così concerto può farsi molto morbido e simile a un sogno, senza bisogno di andare a dormire.
Allo stesso modo possiamo espandere al nostra consapevolezza e proiettarci oltre il corpo pur rimanendo svegli e in parte ancorati ad esso. Lo facciamo ogni volta che ridiamo di cuore, o quando proviamo un'intensa felicità. I bambini piccoli lo fanno in continuazione.

Una volta che apprendi a vivere in questi stati di espansione pur restando nel corpo e nel mondo materiale significa che stai stimolando un buon radicamento, e quello secondo me è un buon momento per sperimentare qualcosa di più mettendo a dormire la nostra carne di tanto in tanto.

Abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Caro Niccolò, ti ringrazio moltissimo per i tuoi consigli e le tue preoccupazioni. Effettivamente il desiderio di evasione dalla realtà è un sentimento che ho sperimentato e seguito spesso, ma ho compreso da tempo che la fuga non risolve i problemi. La sofferenza va abbracciata e fatta propria, di modo che possa diventare il motore della crescita interiore. E la mia vita ora mi piace, è il risultato delle mie scelte e godo ogni giorno della bellezza nacosta nei suoi particolari. Sicuramente ho ancora un lungo cammino da compiere, ma penso di essere nella direzione giusta verso una maggiore consapevolezza sia del materiale che dello spirituale.

E certamente le tue parole sono strumenti più che preziosi in questo percorso.

Dunque seguirò i tuoi consigli e farò tesoro delle tue preoccupazioni, riflettendo sui rischi che il viaggio astrale può portare con sé e sulle mie eventuali reazioni a tali esperienze (sempre che io ci riesca!)...
Ti ringrazio moltissimo per tutte le esperienze e i pensieri che hai deciso di condividere, a presto. Vanessa
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.