Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Alessia
  2. Coscienza
  3. 23 Giugno 2019
Caro Niccolò,
vorrei chiederti quali sono le tue conoscenze rispetto ai passaggi che l'anima attraversa nel momento in cui lascia il corpo.
Tempo fa avevo letto alcune testimonianze di persone che hanno vissuto la pre-morte e hanno portato la loro esperienza. In generale sembrano esserci alcuni aspetti in comune.
Secondo te cosa accade precisamente?
Forse non c'è una risposta definita nel senso che come sempre dipende da tante variabili.
Ad esempio, io sento che ci sarà una persona cara ad aspettarmi e farmi da guida, quindi probabilmente già il solo fatto di crederlo lo crea come qualcosa che vivrò davvero. Così come penso che molto sia influenzato dal vissuto della persona al momento della morte, quindi più la persona è tranquilla più sarà un passaggio che avverrà serenamente.
Di fatto nel caso della morte non abbiamo prove tangibili di ciò che avviene, quindi resta (almeno per me) un po' di mistero e forse un velo di paura dovuta all'ignoto che la mente razionale non può controllare.
Che ne pensi?
Quali sono le tue conoscenze?
È un argomento che mi riguarda molto da vicino alla luce della scelta che ho fatto (come ti avevo scritto la prima volta) quindi mi interessa particolarmente. Tra l'altro, per una serie di motivi, ho dovuto posticipare il tutto di alcuni mesi. Nonostante la sofferenza quotidiana, cerco di vedere questo allungamento come un'occasione per intensificare il mio rapporto col divino e con le guide e dunque arrivare al momento della transizione nello stato di coscienza più favorevole per me.
Seppur mi trovi in condizioni molto precarie soprattutto psichicamente, sto vivendo al contempo momenti di entusiasmo spirituale fortissimi, mi verrebbe quasi da chiamarli attimi di estasi.
Sento un grande sostegno da parte del Tutto, al di là di tutto, qualsiasi cosa accada e la gratitudine trabocca dal mio cuore come un fiume in piena.
Alcuni mi dicono che nella vita non sono stata fortunata. In questi momenti invece mi sento così fortunata che mi sembra non mi manchi nulla.
Un abbraccio
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao cara Alessia,
sì, si tratta di qualcosa di molto personale ma non ho neanche molta esperienza al riguardo.
Non ho mai vissuto esperienze di pre-morte, ho solo vissuto tante volte l'uscita dal corpo fisico, ma quello che trovavo dall'altra parte era sempre diverso.
Io sento che non dovresti troppo cercare di capire con la mente sai? Capisco benissimo questo bisogno ma quando penso a te sento tante forze ed entità che ti sostengono in questa preziosa fase della vita, lasciati guidare dalla tua intuizione. Hai già compreso tutto perfettamente, stai abbracciando al calma e l'apertura del cuore di cui hai bisogno, e dandone testimonianza qui pubblicamente stai anche offrendo un servizio importante a te stessa e ad altri, sei davvero un'anima coraggiosa e saggia...

Connettendomi ora con te, l'unica cosa che mi viene di consigliarti è dedicati anche ad abbracciare la tua condizione fisica, quella che hai scelto prima di nascere nel tuo corpo. C'è un motivo preciso per cui hai scelto consapevolmente questa condizione, ma no è importante che tu capisca il motivo con la mente, piuttosto sii consapevole che c'è una lezione di grande ricchezza incastonata nella tua sofferenza fisica; più ti apri all'amore per il Tutto e per chi sei proprio ora, più ti apri all'amore per la sofferenza stessa, come in fondo stai già facendo, più questa lezione sarà appresa dalle profondità del tuo cuore.

Questi momenti che stai vivendo sono così delicati e potenti... non riesco ad immaginarlo ma ne percepisco l'onda, abbraccia ogni cosa con uno sguardo d'Amore, persino e soprattutto le cose che ti infastidiscono.

Io ti ringrazio e mi inchino alla Dea che è in te.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
Si, mi ritrovo molto nel tuo suggerimento.
Per tanto tempo ho considerato la malattia, fisica e psicologica, come un ostacolo da sconfiggere. Una visione che in realtà è controproducente e crea ulteriore resistenza.
I tuoi insegnamenti mi sono stati molto utili in questo. Spesso mi relaziono con dolcezza alla parte del corpo che mi fa male, infondendole amore come se fosse una piccola bimba indifesa e le parlo rassicurandola come se fosse un'altra me.
Credo che se non riesco a capire adesso il perchè io abbia scelto queste condizioni, forse lo capirò al momento opportuno, o forse non è neanche così necessario dover capire tutto alla fine...
Ora posso focalizzarmi sul qui e ora e fare tesoro dei grandi aiuti che mi sono arrivati (incluso tu).
E comunque finchè sono ancora qui, sono felice di poter gironzolare per l'Accademia e leggere o ascoltare la tua ricchezza sentendomi così tanto in sintonia con te e col tuo pensiero.

Con affetto,

Alessia
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.