Forum

Discutiamo insieme su tutto ciò che è "nuova" saggezza.
  1. Coscienza
  2. 3 Maggio 2019
un pensiero una volta emesso nell'universo... Che fine fa? Ciao a tutti :)
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao,

provo a darti una mia risposta anche se Niccolò avrà sicuramente più completezza nell'approfondire il discorso.
I pensieri sono come raggi di energia creati dalla nostra mente.
Prima ancora di avere un effetto esterno, il pensiero, così come le emozioni, influenza la nostra vibrazione quindi il modo in cui ci sentiamo e di conseguenza ci comportiamo e relazioniamo.
I pensieri sottilmente viaggiano continuamente e secondo me, coerentemente al principio della risonanza, si avvicinano a pensieri simili. Questo spiega, per esempio, il motivo per cui certe dinamiche comuni di pensiero sono così forti da modificare, per esempio la tendenza a lamentarsi di ciò che non va rispetto invece al focalizzarsi sugli aspetti positivi. Si creano correnti energetiche collettive rinforzate dal sistema sociale in cui ci troviamo che cerca di tenerci sotto controllo anche in questo modo e ognuno di noi
quando genera pensieri di lamentela (giusto per restare nell'esempio) non fa altro che alimentarle a sua volta.

In questo periodo storico comunque ci troviamo in una fase di risveglio spirituale sempre più diffusa e poco a poco si stanno creano spinte di pensiero sempre più positive, potenti e consapevoli.
Le persone che fanno percorsi di crescita ed evoluzione spirituale ad esempio, grazie al loro stato vibrazionale e quindi grazie anche ai pensieri che creano, possono sottilmente influenzare positivamente il pensiero di altri.

Così come anche le meditazioni a distanza per la pace, ad esempio, hanno proprio la funzione di generare una forza personale e collettiva di amore che possa aumentare sempre di più fino a ridurre i contrasti e la negatività interni ed esterni di questo tempo.

Quindi, il pensiero emesso nell'universo si allinea a pensieri simili, influenza la vibrazione propria e quella collettiva.

Inoltre la natura dell'universo è intrinsecamente benevola, quindi un pensiero di luce e amore è più allineato all'universo stesso rispetto ad un pensiero di rabbia o paura, e di conseguenza ha maggiore risonanza.



Alessia
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. Niccolò Angeli
  2. circa 2 mesi fa
  3. #694
Alessia,
hai dato una magnifica risposta :)
  1. Alessia
  2. circa 2 mesi fa
  3. #695
Grazie mille Niccolò :))
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 1
Risposta accettata Pending Moderation
mi è piaciuta la risposta di al alessia .
mi è capitato questi video.non credo sia inerente alla domanda ma una visione complessiva interessante.
chi ha voglia di vederlo.
https://www.youtube.com/watch?v=8BZehUPpg4w
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 2
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Alessia, ho letto con molta attenzione la tua risposta e ritrovando un concetto già evidenziato in questa Accademia e non solo, mi è sorta questa riflessione:si parla spesso di questa nostra società che ci controlla e ci condiziona ... ma il controllo nella mia mente presuppone un controllato e un controllore , ma se la società siamo noi e siamo tutti controllati, chi è che ci controlla ?
Ho sentito parlare anche di un complotto di poche famiglie che detengono tutto il potere mondiale e che muovono guerre, crisi economiche, e alimentano questo stato di “ torpore della coscienza “....come pedine in una scacchiera, a loro piacere ..,, ma mi chiedo è veramente possibile ricondurre tutto a questo ? Grazie!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 3
Risposta accettata Pending Moderation
vorrei aggiungere ancora una cosa,anche sono un po monotematico..:D
ma alla fine come un imbuto quando i percorsi si riducono si arriva sempre li,la dualita l'ego ecc ecc,,
tornando al pensiero che circola liberamente nel tutto e atterra dove è attirato..
e da cosa è attirato.
se vediamo una persona che commette un reato qualunque esso sia sviluppiamo subito un giudizio,e lo stesso che ha portato quella persona a commettere il reato.
ci prepariamo a entrare nel suo ordine di idee e di pensiero..
commettere il reato è solo un particolare che interessa le leggi che ci siamo dati.
ma i pensieri sono gia allineati ,l ego è gia padrone. e in qualche modo riflettera' cio che è.
questo potrebbe essere anche uno spunto per la domanda di laura.
chi è padrone?
io non lo so, non credo che ci siano persone che volutamente pilotano il mondo.
credo che siano degli ego molto lontani da loro stessi che compiono il loro percorso.
almeno spero.:D
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 4
Risposta accettata Pending Moderation
Ciao Laura,
per quello che so io è così, ovvero le grandi decisioni mondiali vengono prese da quei pochi che hanno in mano le multinazionali, le grandi banche e case farmaceutiche quindi la macrogestione economica, politica e sociale del pianeta. Tutto questo si riflette poi a diversi livelli nella vita di ciascun individuo.
Il loro fine è acquisire sempre più potere e controllo sulle masse, fare in modo che le coscienze restino addormentate e le persone seguano i venti esterni senza porsi domande e riflettere. Nel mondo occidentale questo si vede per esempio nella spersonalizzazione, la tendenza a rendere le persone pedine tutte uguali e separate, consumatori di massa che bevono i messaggi e le notizie trasmesse dai media.

Questo credo sia il motivo principale per cui fin da piccoli nessuno ci insegna a guardarci dentro e utilizzare l'enorme potenziale che abbiamo. Se così fosse, l'intero sistema si rovescerebbe nel senso che le persone sarebbero allineate a ciò che sono realmente, quindi più serene, felici e sane sia dentro che fuori. Di conseguenza ci sarebbe meno attaccamento al guadagno e al consumo superficiale, l'antagonismo e la competizione che ci vengono inculcati si trasformerebbero in empatia e cooperazione, ci sarebbero meno malattie e quindi minore e diverso utilizzo di terapie e farmaci...praticamente un mondo nuovo.

Tutto questo però non ci deve portare alla rabbia, critica, sconvolgimento o a sentirsi vittime.
Fa parte della nostra storia nel ciclo dell'evoluzione umana. E' solo una fase che stiamo passando ma che comunque si sta direzionando verso il cambiamento positivo. Il risveglio si sta diffondendo e sempre più persone si stanno avvicinando a percorsi di rinascita spirituale.
Mi piace anche come Niccolò chiama questi grandi potenti "Fratelli dell'ombra", riflettendo sul fatto che l'ombra è comunque uno stimolo per esplorare se stessi ed espandere la luce.
Nel mio caso per esempio, come credo per molti altri, aver sofferto tanto nella vita mi ha portato alla ricerca di risposte e quindi all'incontrare sentieri di profonda crescita personale.

Ed è vero anche come dici tu che la società siamo noi e alla fine ognuno sostanzialmente è responsabile di se stesso e della vita che vive (anche se non sempre è facile da accettare e si cerca di attribuire le cause delle proprie sofferenze al di fuori). Quindi l'acquisizione di consapevolezza rimane uno degli aspetti principali per riacquisire potere personale.

Un caro abbraccio
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 5
Risposta accettata Pending Moderation
Per rispondere a Lukas, io credo che se incontriamo una persona che commette un reato, il solo fatto di incontrarla o comunque sentirne parlare avviene perchè a qualche livello ci fa da specchio su qualcosa dentro di noi che non abbiamo risolto.
Il giudizio che diamo è un campanello sul fatto che c'è qualcosa all'interno di noi che stride, che muove i nostri demoni interni e che l'altro ci sta mostrando con quel fatto.
Una persona altamente evoluta infatti, di fronte a reati nutrirebbe pura compassione senza conoscere giudizio.. e per parlare di un livello ancora più alto non ne incontrerebbe proprio perchè sarebbero qualcosa che non risuona in lei su nessun piano... e infatti credo non potrebbe essere di questo pianeta ;)
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 6
Risposta accettata Pending Moderation
Alessia non c'è modo di non farti smuovere qualcosa.
Ad esempio oggi si parla di immigrati
Quindi tutti contro e per quanto ti sforzi alla fine qualche ragione glie la riconosci a chi li critica.
Poi magari te ne accorgi mezz'ora dopo.
Questo era il mio concetto.
Riconoscere per non allinearsi completamente.
Perlomeno sforzarsi.

Sul tuo secono commento a differenza del primo non mi rivedo ..
E non so neanche perché..
Ok ho letto bene ,e vero non e nelle mie visioni.
Ma e una veduta come un altra .
Ci sta.
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 7
Risposta accettata Pending Moderation
Certo per noi è difficile pensare alla totale assenza di giudizio. Siamo così abituati a generare continuamente giudizi anche sottili e avere resistenza per cose minime..
A me piace però credere che ci si arriverà nella storia dell'evoluzione spirituale. Già solo il fatto di concepirlo idealmente secondo me è un segno...come se l'anima ricordasse quello stato interiore che ha già vissuto...

Per il resto io esprimo il mio pensiero in base a ciò che sento essere vero per me, ma non ho certo la verità assoluta...anzi... Poi se avessimo tutti lo stesso punto di vista sai che noia :)
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 8
Risposta accettata Pending Moderation
Vi ringrazio di cuore per i vostri chiarimenti...Anche se Lukas, per le mie capacità di comprensione, è un po’ criptico anche se alcune delle sue condivisioni mi affascinano moltissimo !!
Mi sto appena affacciando seriamente a tutto ciò che è e fa la consapevolezza come proposta dall’accademia infinita ( e non a caso non cito solo Niccoló perché tutti voi che partecipate al forum con domande e/o risposte , in questo “mondo “ mi ci fate entrare)....ed è veramente difficile assimilare questo modus vivendi per praticarlo in ogni istante della mia vita....però sicuramente il primo successo che ho raggiunto, seppur per ora è un processo che parte essenzialmente da un input teorico ( di testa) è l’approccio con il dolore acuto e meno acuto, in cui senza entrare nel vortice, che ben conosciamo tutti, di emozioni,sensazioni e pensieri sgradevoli , mi fermo ad osservare me nel mio dolore e già un primo step verso la risalita viene raggiunto! Certe volte mi accorgo anche che vorrei fare gli scalini a due a due , come quando si era ragazzi, ma per ora paziento e mi inebrio delle condivisioni di questo forum, alcune delle quali sono per me veramente potentissime... GRAZIE!
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. lukas
  2. circa 2 mesi fa
  3. #696
haha laura, è vero ,delle volte mi rileggo e penso ,ma chi l ha scritto questo?
,purtroppo non ho una buona capacita lessica.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 9
Risposta accettata Pending Moderation
Grazie a te per la condivisione e per aver stimolato questa discussione. Mi ha fatto bene scrivere e cullarmi in questi argomenti.
Anche a me piace tantissimo questa accademia e a volte mi viene da pensare "peccato non averla incontrata prima".. Ma poi ricordo a me stessa che tutto segue i momenti giusti per noi, quindi va bene così e anzi apprezzo e sono grata per farne parte come "allieva" :)
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 10
Risposta accettata Pending Moderation
grazie anche a te alessia, qui siamo tutti allievi e tutti maestri.
sicuramente niccolo ha degli strumenti in piu sotto questo aspetto.
ma credo che ci nasci proprio cosi ,non lo puoi diventare.
comunque non si puo' tracciare la strada di un altro.
sicuramente sono confronti stimolanti.

sai perche non sono daccordo sulla tua seconda risposta.?
non perche sia sbagliata .
ma perche li hai individuati ,collocati e giudicati..
per lo stesso motivo che ti ho detto prima,il pensiero ,e per lo stesso motivo probabilmente faresti gli errori che fanno loro..se saresti al loro posto.
dico probabilmente ne',non sicuramente.
e il discorso è sempre lo stesso è l 'ego rendere gli uomini schiavi non le altre persone.
una mente libera rimarra' una mente libera anche se è un poveraccio.
esattamente come un ricco sara schiavo di se stesso.
e in tutto questo il fiume scorrera' lo stesso ,travolgera' quello che è in piu ed evitera quello che è in meno in modo che tu possa bilanciarsi.
l esperienza è cio' che ti rimane.
lo so che è un discorso difficile ,ma io non ho altre parole per dirlo.:D
tu laura non leggere.:D
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 11
Risposta accettata Pending Moderation
L'intento non era giudicare ma definire a parole un certo tipo di agire. Indubbiamente poi basta un attimo perchè emerga l'ego. Ci accompagna sempre.Già riconoscerlo come fai e cercare di osservarlo dall'esterno non è poco.

Buon week-end e grazie per le utili riflessioni.

Alessia
COMMENTA QUESTA RISPOSTA
Usa i commenti solo per testi brevi. I commenti NON sono anonimi.
  1. più di un mese fa
  2. Coscienza
  3. # 12
  • Pagina :
  • 1


There are no replies made for this post yet.
However, you are not allowed to reply to this post.