28 Luglio 2018
  2 Replies
  2.8K Visits
Ciao, per adesso sto volando a mo’ di aquila su questo corso, su questa scuola cosi basata sulla vibrazione e sulla legge di attrazione, che mi fa piacere ascoltare perche’ pur conoscendola, non l ‘ho mai sperimentata. Vengo dal cammino yogico, del duro lavoro corporeo, del pranayama e del dyana. La trascendenza , andare oltre il dualismo e la vita terrena piu’ possibile. Adesso ho tanti anni. Sono anziana. Mi sembra di dover imparare tutto di nuovo. Mi piace molto la tua impostazione , niccolo , sulla pratica , sulla sperimentazione. Mi diverto a sentire quanta pesantezza ho accumulato nella ripetizione di tecniche e riti appartenenti ai vari cammini, ma non adatti a me, alla mia unica vibrazione alla quale appartengo.Se un animale mi potesse rappresentare , certo e’ la tartaruga. Ma sappiamo che lentamente arriva. Riguardo alla tecnica della gioia , incredibile, non riesco facilmente a trovare una memoria carica di gioia, bellezza si, calma anche, ma la gioia proprio la devo cercare profondamente ancora. Grazie Niccolo’, sai come insegnare e il motore della passione che ti muove mi da’ energia. Vediamo quanto ci metto a mettere in pratica gli insegnamenti. Molte grazie. A tutti voi del gruppo , tartarughe o lepri del deserto, ghepardi leggeri e veloci o splendidi elefanti, buon apprendimento con la gioia a portata di mano.
. Marina
Ciao Marina,
grazie! Se voli anche come un'aquila, allora forse sei una tartaruga... marina :)

Hai già detto tutto tu ma ho l'impressione che stai prendendo troppo sul serio anche la tecnica della scintilla della gioia.
Basta, per iniziare, un ricordo gioioso qualunque... il pensiero di una persona a cui vuoi bene, ma anche un luogo che ami, o semplicemente il gelato che hai mangiato ieri.
Ricordare i momenti di gioia e piantarvi la bandierina mentre accadono dovrebbe diventare una pratica quotidiana perchè in molti siamo programmati a fare proprio il contrario: ci ricordiamo delle cose dolorose e le gioie le lasciamo scivolare via. E' un comportamento di sopravvivenza (ricordarsi dei pericoli per evitarli), ma per noi ormai è diventata una psicosi pura e semplice.

Io oscillo ultimamente tra il ghiro e il lupo: vado in lunghi letarghi e accumulo ghiande per i tempi bui, poi improvvisamente mi desto e riprendo a scorrazzare solitario senza mai stancarmi.

Abbraccio
circa 3 anni fa
·
#1111
Davvero? Tra il ghiro ed il lupo? Ma per essere leggeri mi avvicinero’ alla rondine, che ne dici? Ogni mattina e’ sulla porta di casa, sembra gioioso il suo canto. Ti ringrazio Niccolo’ , sono una seriosa, nata sotto il segno della Vergine con Giove in Capricorno. Mi ci vuole un po’ a cercare la gioia. Grazie mille! Ti abbraccio tra aquile, tartarughe ghiri , lupi e rondini.. che bello. Marina
  • Pagina :
  • 1
Non ci sono ancora risposte per questo post.
Rispondi per primo!